Il James Webb Space Telescope rivela nuove strutture all’interno della supernova SN 1987a

JWST-SN1987A-1

Il telescopio spaziale James Webb della NASA ha iniziato lo studio di una delle supernove più famose, SN 1987A (Supernova 1987A). Situata a 168.000 anni luce di distanza nella Grande Nube di Magellano, SN 1987A è stata oggetto di osservazioni a lunghezze d’onda che vanno dai raggi gamma alla radio per quasi 40 anni, dalla sua scoperta nel febbraio del 1987. Nuove osservazioni dalla NIRCam di Webb (Near- Infrared Camera) forniscono un indizio cruciale per la nostra comprensione di come una supernova si sviluppa nel tempo.

Questa immagine rivela una struttura centrale come un buco della serratura. Questo centro è pieno di gas e polvere grumi espulsi dall’esplosione della supernova. La polvere è così densa che anche la luce del vicino infrarosso rilevata da Webb non riesce a penetrarla, formando il “buco” oscuro nel buco della serratura.

Un luminoso anello equatoriale circonda il buco della serratura interno, formando una fascia attorno alla vita che collega due deboli bracci di anelli esterni a forma di clessidra. L’anello equatoriale, formato da materiale espulso decine di migliaia di anni prima dell’esplosione della supernova, contiene punti caldi luminosi, apparsi quando l’onda d’urto della supernova ha colpito l’anello. Ora gli spot si trovano anche all’esterno dell’anello, con un’emissione diffusa che lo circonda. Queste sono le posizioni in cui gli shock delle supernova colpiscono più materiale esterno.

Sebbene queste strutture siano state osservate a vari livelli dai telescopi spaziali Hubble e Spitzer della NASA e dall’Osservatorio a raggi X Chandra, la sensibilità senza precedenti e la risoluzione spaziale del JWST hanno rivelato una nuova caratteristica in questo resto di supernova: piccole strutture a forma di mezzaluna. Si ritiene che queste mezzelune facciano parte degli strati esterni di gas espulsi dall’esplosione della supernova. La loro luminosità può essere un’indicazione dI un fenomeno ottico che risulta dalla visione del materiale in espansione in tre dimensioni. In altre parole, il nostro angolo di visione fa sembrare che ci sia più materiale in queste due mezzelune di quanto potrebbe essercene in realtà.

Degna di nota è anche l’alta risoluzione di queste immagini. Prima di JWST, il telescopio Spitzer ora in pensione, osservava questa supernova nell’infrarosso, fornendo dati chiave su come le sue emissioni si sono evolute nel tempo. Tuttavia, non è mai stato in grado di osservare la supernova con tanta chiarezza e dettaglio.

Media Contacts:

https://webb.nasa.gov/

Laura Betz
NASA’s Goddard Space Flight Center, Greenbelt, Md.
laura.e.betz@nasa.gov

Hannah Braun / Christine Pulliam
Space Telescope Science Institute, Baltimore, Md.
hbraun@stsci.edu / cpulliam@stsci.edu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *